Mino Milani e la Grande Guerra

 

Mino Milani è uno scrittore, fumettista, storico e giornalista italiano. Nasce nel 1928 a Pavia e scrive numerosi libri nel corso della sua vita. Arriva qualche giorno fa proprio qui a Voghera, precisamente nel Museo storico, per una conferenza organizzata dal Museo storico”Beccari”in occasione delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra .

Durante l’incontro, Mino Milani ci ha raccontato episodi della sua vita e della Prima guerra mondiale. Noi alunni abbiamo potuto anche fare numerose domande riguardanti la grande guerra e lo scrittore ha risposto con enorme tristezza, perché ricordare fatti così brutti mette malinconia; l’ importante è, tuttavia, “non dimenticare” questi eventi.

IMG-20181025-WA0003

Tra le tante domande fatte dalle scolaresche ne ricordiamo una in particolare: “Grazie a chi o a che cosa ha potuto conoscere le emozioni che i soldati provavano nelle trincee?”.

Mino Milani ha risposto in modo quasi commovente, ricordando il padre che aveva combattuto e che parlava di rado e con tristezza (solitamente a tavola) ai suoi familiari delle atrocità viste e vissute in prima persona. Carlo Milani, padre di Mino, dopo aver partecipato alla Grande Guerra, ha scritto il romanzo “Diario di guerra”.

Questo incontro con Mino Milani ci ha fatto riflettere sull’importanza di ricordare sempre quello che i nostri antenati hanno compiuto in passato per trarne un insegnamento.

Infine lo scrittore si è rivolto direttamente a noi giovani dicendoci che abbiamo una vita davanti e che non la dobbiamo sprecare. Si è congedato poi pronunciando queste parole:

Cercate la vittoria, mai una via di mezzo!

IMG-20181025-WA0002

Kleidi  e Filippo