“Gemellaggio” si traduce con “amicizia”

Il 27 marzo scorso sono arrivati nella nostra scuola 16 alunni francesi, accompagnati dai loro insegnanti, Mme Céline, professoressa di italiano, e M. Matthieu , professore di Educazione Musicale .Sono giunti da Manosque, città gemellata con Voghera dal 1985 e frequentano la classe troisième del Collège Mont d’Or.

Continua a leggere “Gemellaggio” si traduce con “amicizia”

UNA GIORNATA A LUCCA … E NON SOLO

Mercoledì 12 aprile
La gita scolastica è, in assoluto, l’attività più attesa dagli studenti. E noi stiamo per raggiungere niente meno che la Toscana!
Con grande entusiasmo partiamo e sul pullman l’atmosfera è scherzosa e scanzonata: selfie, musica, chiacchiere.
E finalmente eccoci a Lucca. Notiamo subito la suggestiva cinta muraria che abbraccia la graziosa città che ora andiamo a scoprire. Continua a leggere UNA GIORNATA A LUCCA … E NON SOLO

Lettera a Maria Falcone

 

Signora Maria,

siamo ragazzi del 2003, una generazione che non ha vissuto la guerra e neppure il terrorismo, ma è consapevole dei numerosi delitti compiuti da organizzazioni criminali come la mafia o la camorra e dei sacrifici compiuti da magistrati, giornalisti, sacerdoti, politici, professori, imprenditori, avvocati e carabinieri. In questi anni della scuola media abbiamo letto racconti e libri che trattano il tema della legalità e ci siamo convinti che questo sia un argomento molto complesso da trattare perché concetti come dignità e potere politico sono per noi difficili sia da capire che da mettere in pratica. Abbiamo bisogno di modelli da imitare, abbiamo bisogno di credere che persone come lei tengano sempre vivo il ricordo di “eroi nazionali” come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, abbiamo bisogno di sperare che ci siano sempre persone disposte a rispettare le leggi e a denunciare le illegalità.

Per noi avere il senso del dovere è fare nel nostro piccolo, la cosa che riteniamo più giusta, come ad esempio studiare e comportarci in modo corretto. Il nostro senso del dovere è sicuramente diverso da quello di persone più grandi di noi, ma pensiamo che già da bambini bisogna imparare a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.

Fin da piccoli la famiglia ci ha trasmesso questi valori: non importa cosa succeda, la cosa giusta va sempre fatta, indipendentemente da quello a cui si va incontro. Ciò significa che non dobbiamo rinunciare alle gioie della nostra età, ma essere in grado di assumerci le nostre responsabilità

Non dimentichiamo mai le parole di Placido Rizzotto:”il nostro nemico siamo noi stessi,con le nostre paure che ammazzano la speranza,con i nostri piccoli interessi,con i nostri egoismi”.

Gli alunni della 3^H