Cinque anni passati troppo in fretta!

Sabato scorso io e mio padre siamo venuti a  scuola  per l’ iscrizione alla scuola secondaria di primo grado.
Ero felice,ma allo stesso tempo triste  perchè sono passati cinque anni troppo in fretta e fra qualche mese non potrò più rivedere alcuni dei miei amici.
Durante l’ iscrizione ho ripensato agli anni passati e mi è venuto in mente che in prima non sapevo nemmeno scrivere,  adesso so scrivere in italiano e pure in inglese.
Mi ricordo anche che in seconda ho conosciuto una nuova maestra d’italiano di nome Mariella; lei ha sempre organizzato prima delle vacanze di Natale il gioco della tombola ed era molto divertente.
In questi anni abbiamo preparato diversi spettacoli teatrali, il mio preferito è stato “Alice nell’Europa delle Meraviglie” perchè io ero la protagonista. Abbiamo sempre festeggiato i nostri compleanni…Le mamme facevano a gara per portare le torte più gustose. La maestra Daniela, la più golosa,apprezzava molto i dolci preparati da loro! Che bontà!
E che dire sulle gite?
La più divertente è stata quella a Milano, quando abbiamo visitato il “Castello Sforzesco”.
Poi anche musei, biblioteche, teatri…Che bei tempi!!
Poi ho ripensato alle prove Invalsi eseguite in seconda; come ero nervosa! Aiutoooo!
Tra le amiche che ho conosciuto, la migliore è Rachele: in prima era bassa, adesso è cresciuta, ma di poco.
Io le dicevo sempre:”Guarda Rachele,in prima non ti conoscevo nemmeno, ma adesso siamo migliori amiche”.
Finita l’iscrizione alla scuola media ho chiesto a mio padre:”Papà cosa faremo  secondo te in questi ultimi mesi della quinta? E l’anno prossimo?
Il papà mi ha guardato perplesso e non mi ha risposto.
Sicuramente tante esperienze che rimarranno nel cuore…questo dicono i suoi occhi.

Pelin B. cl. 5^ Dante

3…2…1…., c’est parti ! Aix en Provence Notre journal de voyage

Mardi, le 1er juillet
Le jour du départ est arrivé, à la fin !
Nous sommes partis à 8h00 de Voghera et après quelques minutes nous nous sommes arrêtés à Castelnuovo Scrivia pour rencontrer Madame Mandirola et ses élèves. Cette année nous étions 42 élèves et 4 accompagnateurs !
Nous sommes arrivés à Aix en Provence à 15h00.
La première visite a été au Camp des Milles, un camp d’internement , de concentration et de transit où sont passés plus de 2 millions de personnes, les sujets ennemis de l’État, entre 1939 et 1942.
Nous avons appris que ne rien faire c’est laisser faire.

Le camp des Milles

À 18h30 nous sommes arrivés à l’auberge et nous sommes montés dans nos chambres. Le premier repas à la manière des français nous a surpris : des crudités comme entrée, de la viande avec sa sauce et, comme accompagnement, des pâtes ou du riz et enfin du dessert. En France on mange comme ça.
Nous nous sommes couchés tôt, en effet nous étions fatigués.

aix'14 001

Letizia

Mercredi, le 2 juillet
Après le cours de français et notre repas, nous sommes allés en Camargue. En petit train de Méjanes, nous avons vu les flamants roses, les chevaux blancs camarguais et les taureaux noirs qui paissent libres sur les prés salés. Au bords de l’eau l’herbe qui pousse est salée à cause de l’eau de la mer qui arrive jusqu’aux pâturages. Plus tard nous avons visité les Salins de Giraud avec le sel rose.

aix'14 054

Les flamands roses en CAMARGUE

Le soir nous nous sommes promenés au centre ville à Aix en Provence et nous avons mangé une glace aux parfums de Provence ( il y a la glace à la lavande !).
À dix heures du soir nous sommes revenus à l’hôtel très fatigués.

Gianluca

Jeudi, le 3 juillet 2014
Le matin nous avons eu cours de langue avec Marine et Philippe, nos professeurs de français, et l’après-midi nous avons visité les Mines d’ocre de Bruoux : dans les mines il faisait froid, dix degrés, et il n’y avait pas de lumière, mais ça a été une expérience unique !

aix'14 085

Aux mines de Bruoux.
Plus tard, nous avons visité le Musée de la lavande où on a appris comment on cultive et on transforme la lavande en essence parfumée. Dans la boutique du musée on a acheté des souvenirs pour nos parents et nos amis.

Le soir, après le dîner, nous avons regardé le match de football France- Allemagne ( demi-finale de la Coupe du monde) et c’est l’Allemagne qui a gagné un à zéro !

Lorenzo

Vendredi, le 4 juillet
Nous voilà prêts pour l’excursion d’une journée entière !
Le matin il faisait mauvais, donc nous sommes passés du Géant Casino, un grand supermarché, pour acheter des souvenirs, des biscuits, des bonbons et des sucreries extra !
À 11h00 nous sommes partis pour Marseille en car comme toujours. À 11h45 nous sommes montés dans le petit train dirigés à Notre-Dame de la Garde, une église qui domine toute la baie de Marseille et le vieux port. Le panorama était extra !

aix'14 226

A Marseille, au cœur du Vieux Port, au Fort Saint Jean.
Plus tard nous avons pique-niqué sur l’esplanade devant le MuCem , nous avons mangé du poulet, une pomme, un petit gâteau. Pendant l’après-midi nous avons visité le MuCem ( il ya aussi une guillotine et une partie du mur de Berlin !) et nous avons traversé une passerelle qui conduit au Fort Saint- Jean sur le port de Marseille. Nous devions visiter la cathédral de la Major, mais malheureusement elle était fermée jusqu’au 5 Juillet !
À la fin de la journée nous sommes revenus à l’hôtel à 18h30 avant le dÎner.
Luca

Samedi, le 5 juillet
Le matin de 9h00 à 12h30 on est allés à l’école, avec Marine et Philippe on a chanté, inventé des histoires, et joués des rôles, puis on a déjeuné. Les repas français sont un peu drôle pour nous .
Dans l’après-midi on est monté dans l’autocar pour aller visiter le musée du Bonbon Haribo. Sur les parois coloriées du musée on a lu toute l’histoire de ce bonbon très connu en Italie aussi. Puis on a vu une machine pour mélanger les ingrédients des bonbons. Ensuite on a fait beaucoup d’achats dans le magasin.

aix'14 293

Au musée du bonbon Haribo, c’est beau la vie pour les grands et les petits.

aix'14 298 (1)

Après, on a visité le Pont du Gard, un aqueduc romain haut de plus de 50 mètres. On n’est resté que dix minutes parce qu’il était trop tard et on devait rentrer à l’auberge. Enfin, après le dîner, on est allé au cinéma voir « Triple alliance » une comédie américaine très amusante !

Caterina

Notre routine quotidienne.
Le matin nous nous levions vers 8 heures, et à 8h30 nous allions prendre notre petit-déjeuner : du lait, du thé, du chocolat, du pain, de la confiture et du yaourt.
De 9 heures à 12h30 il y avait cours de français : nous avons chanté les chansons des partisans, nous avons inventé des histoires, nous avons conversé et fait des exercices.
Comme déjeuner il y avait des pâtes, du riz, de la salade, de la viande, du poisson, du fromage et des gâteaux.
L’après-midi nous faisions des visites en Camargue, à Marseille, à Roussillion.
Le soir on se retrouvait en hôtel pour dîner. Vers 21heures on pouvait choisir d’aller dans le jardin tous ensemble, ou de rester dans nos chambres pour bavarder ou se reposer.
Pour deux fois nous sommes sortis le soir pour aller au cinéma er pour se promener dans les ruelles d’Aix en Provence.

aix'14 079aix'14 032
A l’école avec les professeurs Marine et Philippe.

Letizia

Quanta poesia in 1^ E!

La neve

La neve di schiuma,
la neve di panna,
fredda e ventosa,
scende dal firmamento d’inchiostro
per tutta la notte armoniosa.

La mattina si vedono i campi ricoperti
dall’onda fredda e bianca
così come le case con i loro tetti.

La neve di latte,
la neve di carta
e di ogni cosa bianca
nella notte ricopre il borgo
ormai incantato da quel velo dolce.

La neve di zucchero,
la neve di nuvole,
la neve di dolcezza bianca
ogni cuore incanta

Filippo

Sogno o disegno?

Se a disegnare ero intenta
Dipingevo case, parchi e fiori,
mi sembrava di sentirne tutti gli odori.
In quel sogno ero una gazzella
Che correva in una città molto bella.
Poi finii di colorare
E a casa mia tornai a pensare.

Il dolore della guerra

Il dolore hai visto
il freddo hai visto
la tristezza
e la stanchezza
difficilmente
dimenticabile.
Voglio il colore
e la felicità
persi nella guerra.

Andrea

L’inverno è alla fine

L’inverno pian piano se ne va
porta via tutto con una leggera tranquillità.
I fiocchi di neve son stelle luccicanti
che scendono dal cielo:
ricoprono tutto con un velo.

La primavera sta arrivando
è alle porte
e bussa leggera e un po’ folle.

Matilde

Il mio violoncello

Il mio violoncello è un mare
Infinite note ci puoi trovare
Note tristi e burrascose
O serene ed armoniose
Viola

Come un uccellino

Come un uccellino vorrei volare
in alto
nel cielo
ed esplorare.

Uccellino,
aeroplano di avventure
vorrei vedere il mondo.

Iara

Tu … il mio universo

Quando ti abbraccio
abbraccio il sole.
I tuoi sorrisi sono luce di stelle.
La tua voce è il suono di un violino
Che mi rallegra ogni mattino.

Alice

Natura

Natura:

immensa e verde,
abitata da migliaia di creature diverse,
dove le cascate sono enormi fontane
e gli alberi antichi obelischi.

Luca

Il cielo dorato

Nel cielo smeraldo
le lucciole d’oro
illuminano il cielo.

Sono stelle che volano

e alla fine si posano
sull’erba e sui fiori.

Giuliana

La ballerina della natura

C’era una bambina
che faceva la ballerina
che ballava col tutù
color verde bambù.

Sacha

Il tramonto

Nel mare
il sole tramonta.

È fuoco che brucia le onde
e pian piano
nel buio scompare
lasciandosi dietro un arcobaleno.

Rimeh

 

Straniera

Mi chiamo Sanaa

sono appena arrivata qua

parlo poco italiano,

ma gli amici hanno un piano

parleremo col cuore

è il modo migliore.

Sanaa

IO SONO NATA IN ITALIA!

L’altro giorno ho scoperto di non essere italiana.
Devo andare a Barcellona e la prof. di spagnolo mi ha chiesto dei documenti supplementari perché sono straniera.
Ma io sono nata in Italia … ho fatto tutte le scuole in Italia … io credevo di essere italiana

Così, in modo un po’ traumatico, ho imparato che a differenza di molti paesi che applicano il principio dello “ius soli” (dal latino “diritto del suolo) il quale prevede che la cittadinanza sia acquisita per il fatto di essere nati sul territorio dello Stato, in Italia la cittadinanza italiana è trasmessa secondo il principio dello ius sanguinis (diritto per sangue, per nascita) da genitore a figlio.

Per ora i figli di cittadini stranieri che nascono in Italia e vi risiedono ininterrottamente fino al compimento della maggiore età possono, entro un anno dal compimento dei 18 anni, dichiarare di voler acquisire la cittadinanza. La domanda va presentata presso l’ufficio anagrafe del Comune di residenza con la documentazione comprovante la residenza ininterrotta in Italia dalla nascita.

ius-soli1

Per fortuna i parlamentari italiani hanno proposto una riforma della cittadinanza che è già stata approvato dalla Camera dei Deputati e che ora è al vaglio del Senato.

Speriamo tanto che sia approvata.

Angela

 

“Bussavano alla nostra porta”

Il 28 gennaio 2016, in occasione della Giornata della Memoria, che riporta alle nostre coscienze il dramma della Shoah, abbiamo assistito alla proiezione del documentario “Bussavano alla nostra porta” su iniziativa del Comitato Soci di Zona della Coop; scopo della proiezione è mantenere viva la memoria della tragedia che ha segnato l’Europa negli anni della dittatura nazi-fascista e della II Guerra Mondiale.

Auschwitz Main Gate

Il 27 gennaio 1945 con l’ingresso delle truppe sovietiche nell’inferno di Auschwitz-Birkenau, l’orrore del lager passò dinanzi agli occhi del mondo intero, rivelando a quale livello di barbarie possa giungere l’uomo quando sacrifica i principi della libertà, fratellanza, uguaglianza e rispetto umano al mito della razza pura. Sei milioni di ebrei, i due terzi dell’intera popolazione ebraica europea, furono sterminati nelle fabbriche della morte disseminate nell’Europa Centrale. Il termine “Olocausto”, che nella religione ebraica significa “sacrificio”, è stato adottato dagli storici per indicare questo massacro sistematico, ma in realtà non si è trattato di un sacrificio, bensì di uno sterminio di massa, un genocidio meticolosamente programmato.

Tra le immagini proposte quelle che più ci hanno impressionato sono stati i disegni realizzati dai bambini di Theresienstadt – l’odierna Terezin – la città che Hitler “donò” agli ebrei, proposta dalla propaganda nazista come modello di umanità nei confronti degli internati. Dopo le riprese i bambini e i ragazzi passarono tutti per i forni crematori di Auschwitz e “dispersi nel vento.” Impressionanti le immagini delle false docce e dei forni crematori che riducevano in cenere i corpi degli ebrei per eliminare le tracce della follia nazista.

In chiusura del documentario i versi di Primo Levi tratti dal libro-memoria “Se questo è un uomo” risuonano come imperativo a non dimenticare, affinché tragedie come la Shoah non abbiano più a ripetersi nella storia dell’uomo.

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi alzandovi;
ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

Primo Levi

I ragazzi della 3^ H

Tappe di gusto tra sensazioni ed emozioni

 Secondo incontro annuale  di “Orto in Condotta”:un vero e proprio laboratorio di gusto che ha stuzzicato la curiosità dei bambini attraverso la sollecitazione dei cinque sensi .Tutti  gli alunni delle classi seconde e terze elementari il 29 Gennaio,nel salone ,erano intenti ad assaggiare,annusare e degustare!
La perizia del Prof Nardi come sempre ha accompagnato i giovani esploratori nella reale sperimentazione sensoriale , accrescendo in loro la presa di coscienza che il vero contatto con il mondo nasce anche da un’adeguata esperienza dei messaggi che la natura ci invia.
Dopo l’aspetto istruttivo non poteva mancare quello affettivo e i piccoli hanno salutato il loro Prof. con un mega abbraccio.

Anna