Laboratorio di Arte: una scolaresca creativa

 Voghera. La scolaresca della 1C plesso Giovanni Plana si aspettava l’ennesima noiosa, monotona e banale lezione di storia dell’arte, quando l’insegnante fece all’improvviso una proposta talmente bella da far saltare di gioia gli alunni: andare nel laboratorio di arte a creare e modellare dei vasi d’argilla.

Si sentivano già tutti vasai professionisti! Tra qualche lezione si cuoceranno i recipienti nel forno nuovo, arrivato a scuola all’inizio dell’anno, sperando che i vasi durante la cottura non si crepino e non si rompano. Finita la forma dei vasi li dipingeranno talmente bene (si spera) da farli sembrare opere d’arte, e se non verranno confusi con altri, ogni alunno potrà portarsi a casa il suo. Chissà cosa succederà… gli alunni erano molto creativi e fantasiosi nel modellare i loro vasi di argilla. Sono stati realizzati recipienti di varie forme e dimensioni: anfore, ciotole, tazze, vasi grandi e piccoli, di forma rotonda, cubica e persino floreale. Questa speciale lezione è stata effettuata venerdì 8 e 15 marzo 2019.

Irene, Xhuejd, Malek, Adua, Rinore, Djily, Sara, Andrea

A lezione di Costituzione

Due avvocati dell’Associazione italiana giovani avvocati hanno incontrato  venerdì 15 Marzo a scuola molti ragazzi delle classi terze.

Anch’io ero fra questi ed ho potuto ascoltarli .

Il tutto è cominciato con una domanda: che cos’è la Costituzione? La risposta breve ma efficace è stata la seguente: la Costituzione è la carta d’identità del nostro stato cioè l’Italia.

Poi sono stati trattati gli articoli soprattutto i primi 12, considerati i principi fondamentali. L’ultimo riguarda la nostra bandiera, che insieme all’inno e allo stemma costituiscono i simboli della nostra Repubblica; infatti dal 1996 è stata introdotta la festa della bandiera il 7 gennaio.

La Costituzione italiana è una costituzione scritta, rigida, lunga, votata e democratica.

La nostra carta dei diritti viene considerata una delle carte più moderne, soprattutto perché tutela i diritti dell’uomo.

Abbiamo poi trattato le varie parti della Costituzione parlando degli organi che costituiscono la Repubblica: Presidente della Repubblica, Governo, Magistratura, Parlamento e Corte Costituzionale.

Ci siamo poi soffermati in modo particolare sulla formazione delle leggi nei vari passaggi ,dalla proposta all’approvazione di Camera e Senato,alla promulgazione da parte del Presidente della Repubblica fino alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e all’entrata in vigore.

L’incontro con gli avvocati è stato utile ed apprezzato dagli studenti.

Yuma

 

Lettera ad una professoressa

foto

Carissima professoressa

si dice che il destino sia scritto nel nome di ognuno di noi e nel caso della prof.Flavia Cantarella, insegnante storica di musica, è stato proprio così. Che altro poteva fare chi di cognome faceva Cantarella, se non l’insegnante di musica?
La prof Cantarella in questi due anni mi ha guidato nel mondo delle note, del canto e del flauto con sincera passione. Sempre sorridente, positiva, propositiva mi ha spronato a migliorare e a credere in me.
Quest’anno, purtroppo per noi, andrà in pensione e so già che mi mancherà.
La settimana scorsa mi ha detto :”Quanto sei migliorata! Ti ricordi in prima media? Non riuscivi ad azzeccare una nota con il flauto e ora suoni proprio bene. Brava! Ti sei impegnata e non ti sei mai arresa!”
Eccome se mi ricordo! E ha ragione: mi sono sempre allenata e mai rassegnata, anche quando mia mamma, a gennaio, spediva me e il flauto in giardino “Così suoni quanto vuoi e non svegli la tua sorellina!”DO SI LA LA SI SOL SOL…
E io andavo avanti finché non mi si gelavano le dita. E ce l’ho fatta, anzi, ce l’abbiamo fatta prof.
Ricorderò per sempre l’esibizione nella chiesa di Pombio in cui il Coro Gaudium ha cantato alla serata dedicata alla Grande Guerra.
Che emozione quando è arrivato il nostro momento!
Lei professoressa, ci ha detto una sola meravigliosa parola prima d’iniziare: CORAGGIO
é questo che dovrebbero fare i professori: infondere coraggio, motivare e trasmettere passioni.
Quanto mi piace il suo modo di farci cantare: ”Forza! Voce!… Più voce!!!”
E quanto mi faceva sorridere quando tirava accidenti al registro elettronico.
Vorrei ringraziarla con tutto il cuore per avere fatto sentire usignolo, un passero solitario come me.
Non firmerò questo articolo perché non è importante chi l’ha scritto, ma per chi…
E questo è per lei Professoressa Flavia Cantarella.

Un’alunna