Lettera ai futuri bambini

Voghera 13\03\2020

Cari bambini del futuro,

sono Alice e ho 10 anni. Quest’anno la nostra nazione è stata colpita da un terribile VIRUS molto contagioso. Il CORONAVIRUS provoca delle forti polmoniti, e i contagiati combattono tra la vita e la morte. Per contenere il contagio, il governo ha attuato delle misure drastiche, che obbligano i cittadini a rimanere in casa.

Per questo hanno chiuso le scuole. Dobbiamo rimanere chiusi per non essere contagiati. Non solo…dobbiamo indossare mascherine e guanti per non trasmettere la malattia.

Per me è veramente noioso restare a casa; non sto facendo granchè tranne i compiti che le maestre ci inviano per tenerci allenati: vi assicuro che non ci si diverte affatto.

Stamattina ho preparato un cartellone con un bellissimo arcobaleno su cui c’è scritto:- Tutto andrà bene.

IMG-20200312-WA0029~2

Nonostante i rischi, alcune persone non rispettano le regole. Per questo motivo le misure per contenere il contagio diventano ogni giorno sempre più restrittive.

Spero che questa situazione finisca al più presto e di ritornare alla vita di tutti i giorni. Sicuramente verrà trovato un vaccino e voi bambini del futuro non avrete  problemi… ma tutto questo che vi ho raccontato lo troverete sui libri di storia.

Ciao a tutti voi!

Da una bambina dei tempi del coronavirus

Alice Mazza 4A primaria Dante

Orienteering a Pietragavina

Un’attività che ha coinvolto tutti noi alunni durante lo stage a Pietragavina è stata l’orienteering: lo sport dei boschi. Il primo giorno Fabienne e Silvia ci hanno insegnato le basi e ci hanno messo a disposizione gli strumenti cioè bussole e mappe. L’attività si è svolta nel Borgo di Pietragavina: dovevamo cercare le lanterne, posizionate in precedenza da Fabienne, lungo i sentieri e le vie del borgo.

Jpeg

Questa attività è stata utile per conoscerci meglio stando insieme; infatti abbiamo imparato a comportarci come una squadra, ognuno rispettando i propri ruoli, dando così al gruppo un valido contributo.

Jpeg

Il giorno successivo l’orienteering si è svolto nei boschi: le difficoltà sono aumentate notevolmente poiché il territorio era più ampio e le lanterne erano posizionate più lontane tra loro. Alcune erano nascoste molto bene, quasi introvabili.

Infatti, per individuarle, alcune squadre hanno deciso di unirsi e formare un unico gruppo.

Alla fine, tornati tutti al punto di partenza, sfiancati, ci siamo diretti verso il Centro Montano per un sano e meritato riposo.

Jpeg

 Simone, Luca, Greta, Martina.

Mino Milani e la Grande Guerra

 

Mino Milani è uno scrittore, fumettista, storico e giornalista italiano. Nasce nel 1928 a Pavia e scrive numerosi libri nel corso della sua vita. Arriva qualche giorno fa proprio qui a Voghera, precisamente nel Museo storico, per una conferenza organizzata dal Museo storico”Beccari”in occasione delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra . Continua a leggere Mino Milani e la Grande Guerra

“Voghera, io la vedo così”

II nostro insegnante di Inglese, Prof. Berghella, ci presenta un amico, artista, al quale viene proposta un’intervista da parte della classe. II suo nome d’arte è Rocco Balocco (pseudonimo di Roberto Bensi) e, come hobby, fa il fotografo.
Grazie a questo incontro abbiamo avuto la possibilità di conoscere a pieno il nuovo libro di Rocco Balocco e del Prof. Berghella, intitolato “Voghera, io la vedo cosi”. Continua a leggere “Voghera, io la vedo così”